Sos Azzardo, la scommessa vincente contro il gioco d’azzardo

“Ti piace vincere facile?”, “Vieni, gioca e vinci!” Messaggi facili da trovare, sfogliando un giornale o visitando un sito online, sui cartelloni in giro per le città o in spot televisivi. Pubblicità che diventano anche un invito al gioco in numerose attività commerciali, dai bar ai tabacchini fino ai supermercati. Un marketing apparentemente innocuo che alimenta l’industria del gioco d’azzardo, terza azienda italiana per guadagni. Solo sul territorio di Roma e provincia si stima che sono attive 50mila slot e 718 sale da gioco (Relazione Progetto Sos Gioco d’Azzardo). “I dati sono sconvolgenti – ci spiega Guglielmo Masci, fondatore del progetto Sos Azzardo nel municipio XI° di Roma – Solo Roma gioca 8 miliardi di euro l’anno nel gioco d’azzardo, e questo municipio ne perde 44 milioni ogni anno”. Continua a leggere

Annunci

“Caro figlio mio, papà è un testimone di giustizia”

Essere padri, ed essere testimoni di giustizia. Le scelte di chi denuncia, diventando testimone di giustizia, coinvolgono non solo la persona ma anche tutto il nucleo famigliare. Bambini inclusi, a volte dalla nascita.

Vi invito a leggere questa lettera di un testimone di giustizia campano rivolta al figlio, nel suo primo giorno di scuola. Un’occasione per fare luce sulle vite silenziose, e silenziate, di decine di famiglie italiane. Uomini e donne, famiglie comprese che in alcuni casi vivono in località protetta, che continuano a testimoniare la loro scelta e a denunciare in solitarie aule di tribunale. Persone vittime ancora di troppa indifferenza, e di impegni istituzionali rimasti promesse, che in alcuni casi li isolano e troppo spesso li privano anche della dignità.

Una lettera aperta, e umana, per riflettere. E non spegnere la voce di questi cittadini. Continua a leggere

Minori stranieri non accompagnati, il risvolto più drammatico dell’emigrazione

Hanno, per lo più, tra i 15 e i 17 anni. Fuggono dal loro Paese, dalla povertà che li affama e da guerre che uccidono famiglie e futuro. Sono i minori stranieri non accompagnati, che in Italia arrivano con viaggi disperati e di speranza mescolati tra i migranti adulti. Un fenomeno all’interno di un fenomeno più grande, quello delle migrazioni, che coinvolge da sempre anche l’Italia. I numeri dell’ultimo Dossier Immigrazione parlano di una realtà che ha avuto il picco nel 2016, durante le primavere arabe, con oltre 25mila minori non accompagnati soccorsi in mare.

Continua a leggere

Amatrice due anni dopo, tra promesse mancate e speranze di rinascita – Il reportage –

Si chiama cratere del sisma. E, percorrendo la strada regionale 260 Picente in direzione di Amatrice, se ne iniziano a riconoscere i segni. A pochi chilometri dalla cittadina reatina divenuta simbolo del terremoto del 24 agosto 2016, da un tornante appare una piccola chiesa nascosta dalle impalcature in legno annerito, che la puntellano. Attraversando le piccole frazioni silenziose della zona, l’arrivo ad Amatrice lo annunciano invece le file di casette colore arancione scuro, le SAE – Soluzioni Abitative di Emergenza, dove vivono gli oltre 1.500 abitanti del comune reatino.

Cittadini tra cui tanti anziani e famiglie che rimasti senza la propria casa, dopo il sisma di oltre due anni fa, non hanno mai voluto abbandonare il loro territorio e che sono stati lasciati a vivere nell’emergenza. Continua a leggere

Le sfida alla povertà dei bambini di Catania. Con musica e legalità

Ragazzini che portano di nascosto il coltello in tasca e bambini che già a otto anni vengono assoldati per fare le sentinelle a 10 euro l’ora. Tra Adrano, in provincia di Catania, e i quartieri catanesi di Librino e San Cristoforo le famiglie convivono con la povertà che troppo spesso alimenta la criminalità organizzata. Un binomio che vede protagonisti innocenti i bambini e ragazzi di queste periferie, che rischiano di essere destinati alla povertà per tutta la vita.

“Manca la promozione umana per questi ragazzi e le loro famiglie. Ci sono questioni di pari opportunità e di meritocrazia che vengono totalmente abbandonate da questo sistema che dovrebbe tutelarli”, a dirlo è Alfia Milazzo, formatrice diprofessione e presidente della Fondazione La città invisibile, ente no profitche dal 2009 si impegna per il recupero dei bambini e minori a rischio nelle zone ad alto tasso di povertà e criminalità nel catanese. Continua a leggere

Palermo-murales_Falcone-Borsellino

Memoria e impegno. Legalità On/Off – La Lente in pillole

Abbiamo bisogno di ricordare.
Lo dimostrano le tante, troppe forse, parole citazioni flash della memoria che ogni anno, ogni 19 luglio o 23 maggio, si pronunciano. Una processione di commemorazioni che dura al massimo fino alla mezzanotte, trasformando poco dopo questi profondi ideali nella consueta opaca routine fatta di indifferenza e della difesa ad ogni costo del proprio orticello. Una ritualità che indubbiamente allena la memoria, a volte nello sforzo di tenere in vita chi ha dedicato la sua vita a rari valori umani. Continua a leggere

Legalità disorganizzata

3000 euro sprecati. Tremila euro. Questo è il prezzo di una legalità disorganizzata. Soldi provenienti dalle casse, già impoverite da perenni ammanchi, dell’amministrazione del servizio centrale di protezione, e quindi denaro pubblico, che si sono rivelati una spesa inutile.
A denunciarlo un testimone di giustizia, Gennaro Ciliberto, che da 8 anni vive in regime di speciale sistema di protezione e che dal 2014 partecipa a numerosi processi in veste di testimone per continuare a denunciare illeciti. Continua a leggere

Roghi, l’Italia in riserva di ossigeno e bellezza

Un’enorme nuvola giallo-grigiognola ha cambiato per qualche ora, l’altro ieri, il colore azzurro naturale di una fine giornata di roghi sulla Capitale. I roghi spenti, e non più fumanti, continuano ancora a intossicare la natura da Roma alla Campania, dalla Sicilia alla Calabria passando per la Puglia.
Quasi un mese di incendi, che hanno prodotto ettari di campi e aree boscive distrutte, riserve naturali andate in fumo e un danno incalcolabile al patrimonio ambientale di almeno metà dell’Italia. Una catastrofe annunciata ma inascoltata. Continua a leggere

Testimoni di giustizia, diritti e tutele

La vita oltre la denuncia – La Lente in pillole

Tutto tace, come fin troppo spesso succede sulla condizione di vita dei testimoni di giustizia. Da mesi la legge 3500, dedicata a questa ottantina di italiani invisibili, è ferma alla dogana del Senato. Dopo aver ottenuto l’approvazione della Camera, è finita in fondo alla lista di impegni dei senatori, come scialuppa elettorale in caso di naufragio del Governo. C’è chi intanto aspetta, chi sopravvive. Continua a leggere

Volontari Baobab Experience, Piazzale Maslax Roma

Baobab, l’accoglienza ‘resistente’ dei migranti

E’ stato ribattezzato piazzale Maslax, dedicando quel luogo al giovane somalo richiedente asilo di soli diciannove anni impiccatosi lo scorso marzo a Pomezia. E con la grinta dei volontari e attivisti del gruppo Baobab Experience quel luogo è diventato nelle ultime settimane il rifugio per circa 130 migranti in transito a Roma. Uno spazio dove si sono alternate associazioni che danno assistenza legale, medica e psicologica ai transitanti, e che li aiutano ad ottenere dalla Questura i documenti necessari per ripartire. Continua a leggere