La crisi per i Testimoni di Giustizia – La Lente in pillole

Nelle ore successive alla crisi di Goveno aumentano le preoccupazioni, già lamentate negli anni precedenti, di una categoria di cittadini italiani spesso sfruttati dalla politica, resi invisibili da leggi rimaste inattuate e in alcuni casi costretti a vivere in località protetta, con la propria famiglia inclusi spesso anche i bambini. Torno a parlarvi dell’attuale condizione dei testimoni di giustizia attraverso le dichiarazioni contenute in una nota del Comitato Testimoni di Giustizia, che riapre anche la spinosa questione sui fondi del SCP Servizio Centrale di Protezione, tra cui gli “affitti pagati a prezzi fuori mercato nelle località protette” come si puntualizza nel comunicato.

Di seguito la nota del Comitato, inviata a La Lente di una Cronista che vi invito a leggere. Continua a leggere

Annunci

La fatica di vivere dentro e fuori le case popolari

La signora Pina ha gli occhi che le brillano quando ricorda che il suo quartiere, Tor Bella Monaca, è nato da “un’intuizione geniale” dell’allora sindaco di Roma Luigi Petroselli. Lei, che da 40 anni vive in questa problematica periferia est della Capitale, conosce però anche la difficoltà di vivere nelle case popolari costruite e abbandonate ai margini della città. Una difficoltà che, nel suo caso, è accresciuta dall’essere disabile.

“Alla fine del 1979, il sindaco Petroselli ebbe questa illuminazione: fare dei bandi per le case per sfrattati, disabili, anziani e giovani coppie. I borghetti furono buttati giù e con grandissime difficoltà nacque l’attuale Tor Bella Monaca – ricorda Pina Cocci che, essendo stata sfrattata insieme alla madre dalla precedente abitazione ed essendo anche disabile, fu una delle prime ad abitare il nuovo quartiere – Mentre costruivano, le persone occupavano e altri si lamentavano perché ancora non davano le case. Il sindaco dovette anche mandare i vigili, per non fare occupare le case. A quei tempi, quindi, i palazzi furono fatti molto in fretta e le lacune è chiaro che ci sono. Ad esempio l’interruttore, se scatta la corrente, ce l’ho in alto e per me è un problema. Nonostante questo, è un quartiere privo di barriere architettoniche. Chi le crea sono le persone.” Continua a leggere

La mafia dei pascoli – Libri per la Legalità

Ottantaseimila ettari di area naturale protetta, con una biodiversità che la rende unica al mondo: è anche questo il Parco naturale dei Nebrodi in Sicilia. E qui, per decenni, migliaia di ettari di terreno hanno foraggiato una mafia antica e spietata che ha monopolizzato, nel silenzio generale, i bandi comunali per l’affitto dei terreni arricchendosi con i fondi europei, destinati a rilanciare il territorio e a sostenere i giovani a fare impresa nella propria terra. A scoperchiare questa rete di affari, che vedeva coinvolti nomi importanti della mafia locale e di tutta la Sicilia, è Giuseppe Antoci nominato nel 2013 presidente del Parco dei Nebrodi. La sua storia, umana e professionale, il suo impegno divenuto un Protocollo che porta il suo nome, esteso poi a tutto il territorio nazionale, e l’attentato mafioso nel maggio 2016 sventato dagli uomini della scorta, queste vicende sono descritte e portate alla luce nel libro ‘La mafia dei pascoli’, edito da Rubbettino Editore e scritto a quattro mani dallo stesso Giuseppe Antoci e dal giornalista messinese Nuccio Anselmo. Continua a leggere

Dall’omertà ai social – Libri per la Legalità

Le parole sono importanti. Ma anche il linguaggio, spesso silenzioso di gesti e azioni, serve a comprendere realtà che nei secoli hanno saputo cambiare pelle, come la mafia, la ‘ndrangheta e la camorra adattandosi ai cambiamenti della società. Dal silenzio dell’omertà, tipica di una parte dei mafiosi già nell’ottocento, alla esposizione mediatica dei nostri giorni sui social network, la mafia non ha smesso di insinuarsi nel tessuto sociale. Una mafia mutevole e spesso invisibile, sempre a caccia di consensi e relazioni. A raccontare questo aspetto poco conosciuto del fenomeno mafioso è il professore Enzo Ciconte nel suo libro ‘Dall’omertà ai social. Come cambia la comunicazione della mafia’, edito da Edizioni Santa Caterina.

Il libro, in un viaggio che parte nell’ottocento per approdare nel presente, fa chiarezza su alcuni luoghi comuni ed equivoci storici che in certi casi hanno influito sulla diffusione della cultura mafiosa o ne hanno rafforzato il consenso e il potere. Continua a leggere

Beni confiscati, un tesoro inestimabile di legalità da conquistare e difendere

In Calabria, a Lamezia Terme, c’è un palazzo confiscato al clan dei Torcasio dove adesso si fa attività di inclusione per persone emarginate. A Cassino, nei locali confiscati al centro della città alla criminalità organizzata, c’è da alcuni anni un ristorante che mette in tavola piatti realizzati con prodotti legali, raccolti nelle terre confiscate al boss Raffaele Cutolo. A Coazze, in provincia di Torino, lo scorso luglio è stato assegnato al Comune un appartamento confiscato alla camorra, e lì saranno ospitate persone in difficoltà e donne vittime di violenza.

Da Nord a Sud sono migliaia i beni sequestrati e confiscati alla criminalità organizzata. Una mappa italiana del patrimonio delle mafie che, grazie all’intervento della legge Rognoni-La Torre nel 1982, può essere sottratto dallo Stato ai clan e restituito alla comunità attraverso il “riutilizzo sociale del bene”. Continua a leggere

Questione di rispetto – Libri per la legalità

“La dignità non si compra, si conquista e si difende”. Sono le parole di un imprenditore calabrese che sta denunciando in un’aula di tribunale i suoi aguzzini, uomini della ‘ndrangheta reggina che lo minacciavano ed estorcevano. E questo è anche uno dei passaggi del libro ‘Questione di rispetto’, Rubbettino Editore, in cui l’autore il giornalista Giuseppe Baldessarro racconta la storia di Gaetano Saffioti, imprenditore di Palmi e testimone di giustizia dal 2002.

E’ la storia umana e giudiziaria di un uomo che, di fronte alla prepotenza della ‘ndrangheta che lo aveva privato della sua vita e del suo lavoro, denuncia i suoi aguzzini che lo stritolavano con pizzo e minacce. Continua a leggere

Palermo-murales_Falcone-Borsellino

Memoria e impegno. Legalità On/Off – La Lente in pillole

Abbiamo bisogno di ricordare.
Lo dimostrano le tante, troppe forse, parole citazioni flash della memoria che ogni anno, ogni 19 luglio o 23 maggio, si pronunciano. Una processione di commemorazioni che dura al massimo fino alla mezzanotte, trasformando poco dopo questi profondi ideali nella consueta opaca routine fatta di indifferenza e della difesa ad ogni costo del proprio orticello. Una ritualità che indubbiamente allena la memoria, a volte nello sforzo di tenere in vita chi ha dedicato la sua vita a rari valori umani. Continua a leggere

Diritti sotto scorta

“Saranno le istituzioni competenti a valutare se corra qualche rischio, anche perché mi pare che passi molto tempo all’estero (…) Saviano è l’ultimo dei miei problemi. Gli mando un bacione se in questo momento ci sta guardando. È una persona che mi provoca tanta tenerezza e tanto affetto. Ma è giusto valutare come gli italiani spendono i loro soldi.” Con queste parole il neo ministro dell’Interno Matteo Salvini, nel salotto televisivo di Agorà su Rai Tre, ieri mattina ha fatto sapere a Roberto Saviano e agli italiani che avrebbe valutato se la scorta allo scrittore è necessaria. Come se fosse un privilegio, un premio, che il ministro assegna ai suoi simpatizzanti o toglie, come un capriccio, a chi non condivide le sue decisioni. Continua a leggere

#PalestreDiVita

“Perché ti occupi di legalità?”.

Per tutte le volte che mi è stato chiesto.
Per tutte le persone che lo hanno pensato, senza mai chiedermelo.
Per chi mi legge, con attenzione, ad ogni articolo scritto e pubblicato.
Per chi mi legge, e prende le distanze da certi argomenti e dalle mie riflessioni.
Per me, che a volte sono sul punto di dimenticare ciò in cui credo fermamente. E di cui amo parlare, raccontare.
Una riflessione dal blog che è l’altra faccia de La Lente di una Cronista.

Parole & Appunti

Scelgo la legalità da quando quel pomeriggio del 23 maggio mi sono sentita impotente sopraffatta dalla violenza, dalla prepotenza, dall’orrore della mafia.

Scelgo la legalità da quando mi è stata insegnata la bellezza dell’umiltà e del sapersi guadagnare ogni traguardo, senza scorciatoie e senza arroganza. La scelgo da quando ho capito la differenza tra furbizia e onestà, tra fare e delegare.

La legalità è una scelta, un patto con sé stessi e gli altri che va rinnovato ogni momento. È un allenamento quotidiano che alimentato dalla coerenza distingue chi la pratica dagli altri, per la capacità di camminare a testa alta.

Foto: https://www.instagram.com/p/BFv37rBChHj/

View original post

Legalità disorganizzata

3000 euro sprecati. Tremila euro. Questo è il prezzo di una legalità disorganizzata. Soldi provenienti dalle casse, già impoverite da perenni ammanchi, dell’amministrazione del servizio centrale di protezione, e quindi denaro pubblico, che si sono rivelati una spesa inutile.
A denunciarlo un testimone di giustizia, Gennaro Ciliberto, che da 8 anni vive in regime di speciale sistema di protezione e che dal 2014 partecipa a numerosi processi in veste di testimone per continuare a denunciare illeciti. Continua a leggere