La bibbia laica di Ciampi

Carlo Azeglio Ciampi è stato definito da molti il ‘Presidente di tutti’. E’ stato sicuramente l’uomo di Stato capace di rispolverare alcuni valori, primo tra tutti il patriottismo. Un amore per la Patria che lui visse in prima persona, durante la seconda guerra mondiale, come strada che conduce alla liberazione dalle dittature. Un sentimento che lui ha trasmesso agli italiani durante il suo mandato di Presidente della Repubblica (1999 – 2006) con la convinzione di chi ha visto nascere la Repubblica italiana e con l’entusiamo, toscano, di chi conosce la fatica di lottare per le libertà e se ne fa portatore.
Dieci anni fa scrissi un articolo su quella che Ciampi definì, ormai al termine del suo mandato presidenziale, una “bibbia laica”: la Costituzione. All’epoca feci un rapido ‘vox populi’ ipotizzando un referendum costituzionale.
Un momento storico da (ri)leggere, magari alla luce dell’imminente, reale stavolta, referendum costituzionale del prossimo ottobre.

 

Una sessantenne distinta, non troppo curata, pensionata, che vive di rendita quella che resta di una munifica eredità. Così appare la nostra Costituzione se la volessimo personificare a quasi un mese dal suo sessantesimo “compleanno”.
Proprio questo testo legislativo, che ad alcuni forse rievoca solo lontani ricordi scolastici neanche troppo completi, resta l’ultimo baluardo di coesione del Paese che la Costituente ci consegnò con l’impegno di vivificarlo.
La definizione di Ciampi, su cui ci si sofferma, giunge come paterno ammonimento e caloroso invito al dialogo. Un dialogo che, alla luce della Costituzione, il cui cuore pulsante è nel “pacchetto” delle libertà, dovrebbe risultare periodicamente rinnovato.
L’idea del Capo dello Stato è, dunque, chiara a tutti anche a coloro che, pur potendosi attivare, continueranno nell’inerzia. Ma immaginiamo che oggi, nel 2006, si decidesse di fare un referendum: gli italiani la vorrebbero riscrivere o no? La voce silenziosa che si leverebbe dal popolo vorrebbe che la Carta Costituzionale non venisse toccata.

Gli italiani intervistati, sulla base di un campione vario, non esitano a mostrare un distacco, sicuramente non intellettuale, ma legato ad una prassi politica che in questi sessanta anni si è allontanata sempre più dalla Costituzione fino a renderla vuota.
Possiamo porci la domanda su quanto la Carta Costituzionale rappresenti una bibbia laica per i cittadini e rispondere da costituzionalisti: allora esprimeremmo con ferma convinzione l’importanza di un testo che, in teoria, governa e dirige le altre leggi dello Stato, quelle cosiddette ordinarie. Ma gli italiani non vogliono favole. Nelle parole della gente si coglie ben altro: c’è la voglia di non vedere disatteso quello che la Costituzione contiene. C’è il forte bisogno di dare corpo ai diritti intoccabili dell’individuo, ieri come oggi. C’è la speranza che questo monumento legislativo, semmai, si adegui a nuove reali esigenze.
La Costituzione, se già allo stato attuale delle cose, è avvertita come irrinunciabile garanzia, se venisse resa pienamente operante potrebbe essere avvertita come la bibbia laica degli italiani ancora a lungo.

Dare un connotato di laica sacralità ad un testo scritto da un’ Assemblea composta da uomini, se può far storcere all’inizio il naso, è una locuzione capace di accendere i riflettori su un testo che può rappresentare un solido riferimento da cui ripartire. L’augurio che ci si può rivolgere è che la voglia di taluni partiti politici di soppiantare gli oppositori non si spinga al limite estremo di modificare, con riforme azzardate, un testo di legge che è patrimonio nazionale di tutti, uomini e donne, giovani e anziani, a qualunque colore politico appartengano.
Infondo non è strano cercare certezze in un periodo storico che non è in grado di darne, e attingere forza da un testo normativo super partes.

Da “Universytv.it” del maggio 2006

Annunci

15 Pensieri su &Idquo;La bibbia laica di Ciampi

  1. Non conoscevo questo articolo e confermo che è più che mai attuale. Tra tanta inutile retorica è molto bello questo omaggio, su un personaggio che si è tanto battuto per l’applicazione della Costituzione e per l’Europa. Oggi più che mai la mia sensazione è che sia la prima che la seconda, appaiono oggi come scatole vuote, mentre le riforme proposte mi appaiono peggiorative. Mi auguro di sbagliarmi e continuo a lodare l’impegno dell’autrice, che cerca in tutti i modi di riaccendere la speranza, in un futuro migliore.

    • Grazie Daniele, il tentativo è anche questo.
      L’articolo è datato, ma proprio per questo rende l’idea di alcuni cambiamenti politici e culturali. Forse oggi, chissà!, gli intervistati risponderebbero diversamente sulla Costituzione. E anche su questo c’è da riflettere.

  2. La Costtuzione è veramente la Bibbia dello stato . E’ la legge fondamentale dello stato . In questo ginepraio di leggi e leggine
    rappresenta l’ unico riferimento certo ( leggasi Corte Costituzionale), che dà una certa serena certezza. Ora si sente
    l’ esigenza di cambiarla o quantomeno modificarla ; non si sa bene per quali parti e in che modo . Mi sembra come se si volesse
    intervenire sui pilastri che sorreggono un ponte , c’è il rischio che
    tutto crolli!!!. Questo momento storico non mi sembra il più adatto
    sia per i personaggi politici sia per gli umori della gente comune.
    Quindi , rispettiamo la memoria dei grandi UOMINI (leggasi : CIAMPI ) mettendo un po’ d’ ordine nelle leggi e leggine ,talvolta in contraddizione fra loro, così facendo forse la giustizia funzionerà
    meglio e magari sarà più sollecita e precisa e quindi più Giusta !.
    Complimenti all’ autrice dell’ articolo che con sensibilità e zelo ha parlato, con spirito preveggente, di questo importante argomento ! .
    Ha mostrato intuito e capacità di analisi non comune a tutti. BRAVA !!!

    • Intanto grazie delle parole di apprezzamento, Cesare.
      La tua confusione su cosa provocherà un risultato referendario o l’altro temo sia comune a tanti. Causa un prolungato disinteresse per la politica di tanti cittadini, che sbagliando disertano anche le cabine elettorali. Auguriamoci che l’esempio di amore per la Costituzione di Ciampi ispiri gli italiani e politici di oggi, e di domani.

  3. Non conoscevo questo testo ma lo trovo attuale. Un discreto omaggio a un Uomo, che ho sempre stimato per le parole eil modo di fare.
    La costituzione è vecchia, vuota, priva di significato? Forse ma di certo nessuno l’ha mai amata come Ciampi. A scuola non si studiava, i politici la usavano a loro piacere, cercando di piegarla ai loro comodi.
    Però faccio una banale osservazione. Le costituzioni di paesi meno giovani dell’Italia hanno ancora la loro Costituzione originale e di anni ne hanno molti di più. Sono più sciocchi gli altri o più cialtroni i nostri politici?

    • Fai una giusta osservazione, ma evidentemente in Italia si guarda il dito anziché la Luna. Perché conviene intendo fare un referendum su un tema così delicato, conviene a chi rivende democrazia a buon mercato e gettando fumo negli occhi. La nostra Costituzione ha una storia lontana e che andrebbe insegnata. E a mio modesto avviso è quanto mai attuale, in contenuti e forma. E nessun legislatore del momento sarebbe in grado di riscriverla. Basti pensare questo.

  4. Facciamo tesoro di questa importantissima “Bibbia Laica” e trasmettiamo ai giovani quei principi di amore ed attaccamento alla Nazione che il Presidente Ciampi ha voluto fare rinascere in tutti gli italiani. Seguiamo il suo esempio e mostriamo il nostro attaccamento alla Patria.
    Complimenti, Anna, per le tue parole che lasciano, ancora una volta, riflettere

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...