Gli sciacalli del terrorismo – La Lente in pillole

Tornano le ore del dolore inspiegabile, di una guerra che si avverte sta accadendo solo dopo ogni bollettino di morte, di una guerra che colpisce volutamente gli innocenti, inermi. La follia meditata che abbatte a colpi di pistola o kalashnikov la normalità, che sembra essere il vero obiettivo da eliminare e straziare ad ogni atto terroristico. Una guerra distante dai nostri canoni, con due blocchi che si contrappongono – Isis contro il mondo. A tratti una guerra civile, che cova le sue cellule malate in città lontane dai nascondigli nei deserti del Medio Oriente e che si insinua tra le pieghe fragili e spesso solitarie della società plagiando, reclutando e inneggiando alla morte come valore. Cellule “impazzite” che ancora non si è grado di scandagliare e prevenirne le mosse.

Eppure in queste ore di incertezza c’è chi trova il tempo per gettare paure e proclami in pasto al dolore generale. Proclami di una politica che lucra sulle tragedie, senza dare il minimo contributo all’analisi della situazione attuale. E’ la politica dei cloni, cloni siciliani di Matteo Salvini. Da quella Sicilia che, per Salvini e altri leghisti, un tempo sfornava solo “terroni” e adesso sforna voti. Da quella politica che si spacca per convenienza, e che nella Padania delle camicie verdi continua a chiamarsi Lega Nord e intanto nel Sud “terrone” pesca voti con il partitino ‘Noi con Salvini’. E li pesca dicendo che c’è chi è peggio dei “terroni”, e sono gli immigrati: una sostituzione di ruoli di fatto, un nuovo metodo qualunquista per accaparrarsi il consenso popolare. Una politica a caccia di nemici, da propinare per ritagliarsi uno spazio politico ad ogni costo. Attenti “terroni”, allora, il nemico che stiamo allevando è in casa, è vero. Ma è un altro. Ed è chi impedisce di comprendere la realtà, che la manipola, e la rivende a buon mercato. E’ la politica del dolore che, sciacalla, si nutre persino della morte.

Annunci

13 Pensieri su &Idquo;Gli sciacalli del terrorismo – La Lente in pillole

  1. Assurdità una dietro l’altra: che guerra è tra un bambino nella carrozzella e un uomo che non gliene frega niente di morire? La guerra che conoscevamo era tra due che si difendevano e attaccavano difendendosi, ma così!!!!! E poi c’è l’assurdità di chi rinfocola odio su odio, perseguitati e persecutori, sfollati e mercanti di sfollati e di quelli che su tutto questo immaginano di lucrarci qualche voto o di essere eletti presidenti degli Stati Uniti. Queste cose appartengono alla storia di questi anni bui, Anna, ma la storia è levigatrice e nel tempo spazza via i piccoli Salvini e dell’Isis lascerà solo il pianto di donne e bambini, la rabbia degli altri.

    • C’è solo da augurarsi che questo senso di piccolezza di fronte alla vera tragica storia di questi anni venga al più presto percepito dai beceri e piccoli Salvini di turno. Sperando che il pianto e il dolore vengano fermati.

  2. Cosa si dirà di noi fra cento anni ? …! Commentando i fatti odierni o dell’ altro ieri , in cui noi ci muoviamo come marionette impazzite inconsapevoli di quello che sta succedendo . Gli avvenimenti di queste ultime ore ne sono un esempio eloquente ! . Chi ci manovra ? chi ha interesse che le cose vadano in questo modo ? E’ il potere economico ! nelle sue varie espressioni . che si avvale di tutti i mezzi per drogare la mente umana , televisione e stampa !
    Quindi è davvero ammirevole che ci sia chi come Lei cerca di aprire gli occhi ai cittadini inconsapevoli vittime che non capiscono perchè non sanno . Che sarà di noi ?!?…… Che DIO ci aiuti !!!.

    • Cesare, purtroppo ci sono messaggi che vengono veicolati dalla politica quando si è più sensibili, quando la ferita è ancora scoperta. E di questa non sana politica, fatta di chiacchiericcio da bar, bisogna diffidare. L’informazione a volte è disattenta, più o meno involontariamente, ma ogni persona ha la possibilità di ampliare la propria informazione e scegliere chi ascoltare e leggere. Aumentando il proprio giudizio critico. Ti ringrazio di aver scelto anche i miei articoli in questo senso.

  3. Perfettamente d’accordo sull’analisi politica, condivido il nulla assoluto riguarrdo ad una politica di pace e di integrazione che faciliti la convivenza delle persone.

  4. L’ipocrisia del terrorismo dietro a proclami fatti solo per creare le premesse di ritorsioni o altro fa parte di una ben precisa strategia del terrore. Esattamente come quarant’anni fa con le BR.
    Che i servizi siano composti da persone incapaci dubito, che stiano manovrando per creare un disegno, che al momento non è chiaro nei suoi contorni secondo me è certo. C’è un unico modo per chiudere questa spirale del terrore: recidere i cordoni economici. Senza soldi non fa niente nessuno, Ma esiste la volontà di farlo?

    • Avevo pensato anch’io ad una similitudine con le BR. Dubito invece che ci sia l’intenzione di interrompere i rapporti economici con determinati Paesi. Anche perché sono vantaggi reciproci. Ma do fronte ad attacchi così violenti e ravvicinati ci vorrebbe un intervento più incisivo. Ma è risaputo che l’Italia vanta servizi segreti più efficaci di altre nazioni cugine. Grazie delle riflessioni.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...