Marica Roberto

Fata Morgana e le mafie (S)disonorate

Le femmine hanno risorse, e le mie figlie che restano e parlano, le mie sorelle, diventano cataratte di parole, fermano i morti, acchiappano la vita, parlano, riparlano. Fiumi in piena sono”. Così Marica Roberto, attrice e autrice siciliana del potente testo teatrale “La Fata Morgana, fantasia su un mito”, fa memoria delle donne “sdisonorate” (citando il titolo del dossier dell’associazione DaSud, da cui trae spunto la piece). Donne libere, e per questo uccise dalle mafie, a cui il teatro ha ridato la parola. E un volto, quello del mito femminile di Fata Morgana che, dalle acque dello stretto di Messina alle tavole di legno del palco del Teatro Lo Spazio a Roma, ha fatto rivivere le sue “sorelle” morte ammazzate. Nove donne, delle oltre 150 vittime della criminalità organizzata, dai 14 ai 74 anni. Nove donne, del Sud ma anche del Nord. Nove donne accomunate dall’amore pulito per uomini sporchi, insudiciati dall’appartenenza a famiglie criminali e dalla convinzione di possederle come delle cose. Perché è così che la donna è catalogata nel registro mentale e linguistico delle mafie, la “cosa”. Eppure queste donne non hanno rinunciato alla loro dignità, alla loro libertà, anche se innamorate. Anzi. Hanno combattuto con coraggio in nome dell’amore, anche per se stesse. Come ha fatto la piccola Palmina Martinelli, innamorata di un giovane che voleva farla prostituire e uccisa con “alcol e fiammiferi” per essersi rifiutata di farlo. E Tita Buccafusca, che amò e sposò Pantaleone Mancuso potente boss della ‘ndrangheta, considerata da tutti come la “matta” dopo una lunga depressione. Ma per amore del figlio decise di allontanarsi e raccontare quello che sapeva. La solitudine ebbe poi il sopravvento, e fu così spinta al suicidio che mise in atto ingerendo acido muriatico. E anche Lea Garofalo, che guardò negli occhi le storture della criminalità sposando un uomo di ‘ndrangheta di cui si era innamorata, e che per amore della figlia scelse la libertà della verità e di non tenere più la bocca chiusa, fino alla fine. Storie di donne, figlie, madri vissute nell’ombra e quasi sempre delegittimate, persino come esseri umani. Vittime spesso rimaste senza giustizia, perché la giustizia al massimo ha scelto di considerarle morte per femminicidio. Una comoda distorsione della realtà, come ha fatto notare la deputata di SEL Celeste Costantino al termine dello spettacolo: “Il dossier (“Sdisonorate” di DaSud, ndr) vuole dare forza alla memoria e svelare un falso storico: che le mafie non toccano donne e bambini. Bisogna anche raccontare l’eccezionalità dentro la normalità. Questa specificità delle mafie di uccidere le donne ha una sua normalità, cioè che il femminicidio è stato sempre considerato un’emergenza e invece avviene quotidianamente. Si parla solo dell’atto finale, ma prima di arrivare a quell’uccisione c’è un calvario”. Per questo amore coraggioso ma anche fragile, per queste donne innamorate ma anche libere Fata Morgana/Marica Roberto si addolora ma combatte. In un palco lasciato nudo ed essenziale, come la verità, l’attrice messinese presta il suo corpo a quell’amore, a quel dolore, in un ritmo incalzante che spezza il fiato e le lacrime. La sola incessante scenografia, con la presenza di tamburi marranzano e zampogna suonati con forza e passione, la ricreano le canzoni e sonorità della compagnia siciliana Unavantaluna. La legalità ha bisogno del sostegno della cultura, e il teatro è il luogo dove la parola non può essere modulata e va dritta al cuore. Eppure la compagnia Attori & Musici, e la nostra Marica Roberto, questo testo in lingua quasi del tutto siciliana non è riuscita ancora a mostrarlo nelle scuole del sud, come vorrebbe. Mancate risposte, o anche risposte sbrigative del tono “Non abbiamo i soldi per ospitare lo spettacolo”. Peccato. Peccato che non ci siano fondi da destinare all’educazione alla legalità. E che il sistema scuola non sappia tenersi al passo con le nuove esigenze culturali che deve trasmettere.

Annunci

13 Pensieri su &Idquo;Fata Morgana e le mafie (S)disonorate

  1. Molto importante divulgare questio argomenti anche a chi non sa come vorrebbe, e troverebbe difficoltà a seguire personalmente spettacoli in lingua sicilaina. Per combattere un fenomeno bisogna conoscerlo ed è importante che tutti sappiano al Nord come al Sud

    • Ci sono argomenti, come quelli legati alla legalità, che sono sempre considerati di nicchia o per addetti ai lavori. Ma così non è, perché è una realtà che ci cammina accanto ogni giorno. Preciso, comunque, che lo spettacolo che infatti si è svolto a Roma è comprensibile da tutti. Da Nord a Sud. Sono solo pennellate di parole, dai toni più forti.

      • In ambiente scolastico, tanto al nord quanto al sud, tra i tanti progetti didattici, un posto in primo piano è riservato ai progetti per la legalità.
        Ovviamente le scuole non possono farsi carico di spese per una manifestazione teatrale anche se di elevata valenza didattica ed educativa. E’ lasciato ad ogni singola istituzione scolastica il compito di meglio organizzarsi, con risorse proprie o acquisite, al fine di realizzare le attività ritenute più consone per il perseguimento dei fini educativo-didattici esplicitati nel POF (Piano Offerta Educativa). La proposta di una rappresentazione al sud potrebbe essere fatta propria dall’Associazione Dirigenti Scolastici e Territorio di Messina da me rappresentata.
        Ci penserò nella speranza di riuscire nell’intento

      • Queste parole fanno chiarezza. E soprattutto aprono uno spiraglio ad una concreta proposta di cultura della legalità nelle scuole. Se si realizzerà sarà un’occasione di crescita, per tutti.

  2. logo corriere di puglia e lucania

    “Servire gli italiani, non servirsene” L’Italia nel mondo, il mondo in Italia”

    “L’altro modo di fare Informazione”

    Nel ringraziarla per l‘articolo ricevuto, si comunica che lo stesso sarà pubblicato domani sulla nostra testata giornalistica nazionale e internazionale al seguente indirizzo:

    LINK:

    http://www.corrierepl.it/?p=227145

    Il Corriere di Puglia e Lucania nel Mondo aderisce alla F.U.S.I.E.

    (Federazione Unitaria Stampa Italiana all’Estero)

    Siamo presenti su:

    http://www.facebook.com/CorrierePL

    http://www.linkedin.com/groups/corriere-puglia-lucania-nel-mondo-754527.S.89972146

    http://www.twitter.com/corrierepl

    I nostri indirizzi di redazione:

    redazione@corrierepl.it

    Editore:Associazione Baresi nel Mondo – organizzazione internazionale di promozione sociale

    redazione@baresinelmondo – http://www.baresinelmondo.it

    Direttore Editoriale e Presidente Presidente A.B.M.

    Cav.Dr.Antonio Peragine

  3. Si spera che questo spettacolo teatrale dia nuovo impulso alla lotta alla crminalità e che le donne che hanno infine preso coscenza del loro essere non siano intimorite dai vili atteggiamenti di questi c.d. uomimini d’ onore. Questa è la vera cultura dell’ onestà, che va diffusa con ogni mezzo . VIVA LA VITA !

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...