Bimbi in prigione, l’altra faccia invisibile del carcere

Immagine

Essere figli di genitori detenuti in carcere non è facile. Lo è ancora meno nascere dietro le sbarre, condividendo i problemi strutturali e di vita degli istituti penitenziari italiani con la propria madre. Decine di bimbi da zero a tre anni, dall’allattamento ai primi passi ai giochi all’aperto, conoscono come unica realtà il carcere. Ad oggi sono 16 gli asili nido penitenziari in Italia, in cui sono recluse 51 madri con 52 bambini. Questi i dati registrati a dicembre 2013 nel rapporto dell’Associazione Antigone. Me ne ero occupata poco prima che venisse divulgato questo testo, ma la questione non ha ancora ottenuto l’impegno fattivo che merita. Un importante segnale è arrivato con “La Carta dei figli dei genitori detenuti”, sottoscritta dal Garante per l’infanzia e l’adolescenza dal Ministro della Giustizia e dall’Associazione Bimbisenzasbarre Onlus, di cui si attende ancora l’applicazione da parte del governo. Esiste una Carta dei diritti del fanciullo, ed è già drammatico pensare che ci sono bambini nel civilizzato occidente che non riescono ad usufruirne. Storie di vite senza colpa in ombra da conoscere e da (ri)leggere…

 

Vivono in prigione, da innocenti. Sono i 41 bambini, al di sotto dei tre anni, che in Italia condividono con le madri detenute la vista quotidiana delle sbarre di un carcere.

Bimbi spesso condannati ad ammalarsi di asma e bronchiti, trascorrendo buona parte delle giornate lontani dalla luce del sole e in ambienti poco areati. Figli a tempo, che dopo il compimento dei tre anni vengono spesso affidati a case famiglia o a famiglie italiane, altrimenti a parenti mai conosciuti.

Una condizione che viola i diritti dei minori, al gioco alla salute e alla normalità, a cui si è cercato di mettere una toppa nel 2011 con la legge 62/11, prevista nel cosiddetto ‘Piano Carceri’, che ha istituito le case famiglia protette. Un progetto rimasto però solo su carta. La legge infatti prevede convenzioni ‘a costo zero’ con gli enti locali, per individuare quali strutture destinare a case famiglia protette. Una previsione che difficilmente, vista già la difficoltà attuale a reperire locali da adibire ad asili nido, verrà realizzata entro il termine massimo di attuazione della legge fissato al 1° gennaio 2014.

Una soluzione, sollecitata anche dalla senatrice Pd Rita Ghedini al ministro della giustizia Cancellieri, sarebbe di utilizzare la provvista finanziaria di 11,7 milioni di euro prevista per la realizzazione di queste strutture. Ma ad oggi l’unica realtà esistente di detenzione fuori dal carcere che garantisca “una vita quotidiana ispirata a modelli comunitari”, presa come buon esempio anche in Europa, è l’ICAM di Milano un istituto a custodia attenuata per madri detenute e i loro figli da 0 a 3 o 6 anni. La struttura, messa a disposizione dalla Provincia di Milano per le madri in regime di custodia cautelare, permette ai suoi piccoli ospiti di vivere in un ambiente più accogliente di una cella o un cortile per l’ora d’aria. I bambini possono frequentare i nidi e le scuole materne della zona, crescendo in ambienti adatti alle loro esigenze forti dell’affetto materno. Un istituto dove per le donne recluse vigono le regole del carcere, ma dove i loro figli tornano ad essere liberi.

Un successo isolato che, ospiti 12 madri con figli, riesce a “coprire le esigenze di tutto il territorio provinciale e quasi tutta la Regione” stando ai dati della Provincia di Milano. Fuori dal palazzo dell’ICAM di via Melloni, gli altri figli di detenute subiscono le conseguenze delle condizioni di disagio degli istituti penitenziari. E soprattutto dei tagli fatti ai progetti rivolti all’infanzia in carcere. Per loro, niente “spazi per il gioco, possibilmente all’aperto” né “spazi per incontri personali”.

Condannati per nascita, tocca allo Stato evitare di privare questi bambini anche dei loro diritti fondamentali.

da “La Discussione.com” – settembre 2013

Annunci

Un pensiero su &Idquo;Bimbi in prigione, l’altra faccia invisibile del carcere

  1. Il caso dei figli che pagano le colpe dei padri.
    Pensare che si tratta di bambini fa veramente paura.
    Purtroppo questa è solo la punta dell’iceberg della mala situazione carceraria italiana

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...